Fanum fortuna è

La scorsa notte ho fatto una delle cose che amo di più. La scorsa notte ho passeggiato per la mia città, e senza fissare l’asfalto. Brutto vizio, il mio, quello di guardare in basso con la testa sempre piena di pensieri. Ma quando passeggio per la mia città, soprattutto di notte, la poesia del momento vince su tutto. Mi metto a scrutare case, luci, angoli che di giorno non vedo. Guardo le cose con un piglio diverso, forse perché le cose, di notte, creano tutta un’altra alchimia con i miei occhi e con il mio sentire.

Io amo la mia città. Amo la sua dimensione intermedia, la sua essenzialità a portata di mano, le sue forme perfette. Fano, per me, è come una bella donna che non riesco a smettere di fissare. Anche se ha un animo provinciale, nonostante l’orizzonte sconfinato che si propone oltre le onde. Anche se pressapochismo e frustrazione dominano il pensiero di molti, compreso quello di chi l’amministra, oggi come ieri. Anche se qui i ladri scaraventano i bastardini dai terrazzi. Anche se qui si annullano i concerti per il quieto e reiterato dormire. Anche se qui si reagisce ai problemi con hashtag idioti, con la politica che s’infila pure tra le molecole d’ossigeno, e con le rassegne stampa commentate come se si fosse all’osteria.

Non mi toglierete la mia poesia. Non mi toglierete la voglia di passeggiare la notte tra le vie della mia Fano. Non potrete mai rubare l’animo incompreso di questa città. Che è mia quanto vostra, ma che non la sapete amare.

10299515_10210241129773799_7006823313130694663_n.jpg

(Foto di Chiara Mei Mais)

Per Ermo

Non ricordo bene come ridevi. È come un vuoto, una macchia invisibile, un tassello mancante in mezzo a un groviglio di ricordi ancora vivi. E vividi. Ricordo cosa ti piaceva, però. Ricordo che ridevi di fronte a Tom & Jerry, anche se non ricordo come. Ricordo che ti piaceva andare a caccia, anche se questa cosa ci faceva battibeccare. Ero alto ancora un metro e quaranta, e ti rispondevo che io, quando giocavo a basket, non ammazzavo mica i canestri. Eravamo diversi, io e te, ma uguali nella nostra comune natura di voler fare quello in cui crediamo. Ti chiamavano “fatigòn”, ma era un nomignolo infame. Tu hai sempre lavorato. Semplicemente non eri fatto per la zappa, tu, ma vallo a spiegare a chi, della Terra con la “t” maiuscola, conosce soltanto la terra con la “t” minuscola. Non eri fatto per la zappa, per questo hai cercato fortuna tra la gente, nella città che pulsa e che regala occasioni, lontano dai saliscendi della campagna, dove un giorno un problemino alla bici ti ha fatto cadere, trasformando Ermo nel famigerato “Sensafréno”, e ha fatto sì che al tuo passaggio la gente ti guardasse dicendo “Eccle, è arivàt el matt!”.

Non ricordo bene come ridevi, ma ricordo a memoria le storie tratte dalle tue molte vite. Ricordo quella in cui partivi in treno, solo, di mattina, per andare a vendere le uova nella grande Roma. Monteverde ti è rimasto dentro, in quella città che chiamano eterna. Eterna, ora, un po’ come te. Non ricordo bene come ridevi, ma ricordo quanto amassi il miele, i racconti sulle api di tuo zio e la vita in cui tu stesso hai imparato a smielare. Non ricordo bene come ridevi, ma ricordo che hai suonato alla Rotonda per sostituire un batterista ammalato. Ricordo che sei stato il re delle serate al Ragno Verde. Ricordo che hai fatto la barba ai militari. Ricordo la tua soddisfazione nel raccontarmi come il tuo mentore-orologiaio ti avesse detto “Ma allora tu si fà!”, un po’ sbigottito, nel vedere quanto tu, ancora garzone, fossi portato per la difficile arte di aggiustare il tempo, tu che a un certo punto hai cominciato a vivere in un tempo sbagliato in cui tutto viene vissuto come fosse ieri.

Non ricordo bene come ridevi, ma ricordo le tue parole storpiate. Tu non sai quante volte ho “sentùto”, io, del “Carnovàle” e delle altre cose di cui amavi parlare. Non ricordo bene come ridevi, ma ricordo la tua poca fretta nell’alzarti la mattina, ed è qui che capisco che sono davvero tuo nipote. Ricordo le poesie bambine che ti scrivevo da piccolo, quando ti dicevo che “Caro nunìno tu sei molto carino”. Tra i fumi della memoria ricordo anche qualche viaggio con te che guidavi la tua vecchia Uno, di cui hai chiesto notizie per lungo tempo. Ricordo le foto di Monteverde che ho scattato per te. Ricordo te e il tuo bastone, sulla pedana, lì in cantina, a fare il direttore artistico di mille e più vendemmie. Ricordo tutto, tranne come ridevi. Ricordo a memoria le storie tratte dalle tue molte vite, quei racconti resi interminabili dalla malattia, ma che per me rappresentano tuttora dei piccoli tesori. Distillati di vita da bere a piccoli sorsi, piccoli e continui. Chissà, ora, quale di quelle vite tu stia vivendo. T’immagino a vendere le uova agli angeli, a fare il miele con le api del mondo di là, a suonarle alla morte con la tua batteria, a fare la barba ai santi con un rasoio tutto nuovo, a dimostrare al Cielo intero che “allora tu si fa’” davvero a riparare gli orologi, anche lì dove il tempo non conta e non si conta più. Dove tutto va avanti un po’ così, “alla marinara”, tra un cartone di Tom & Jerry e le lancette dell’eterno ancora ferme lì da sincronizzare.

Non ricordo bene come ridevi, ma ripensando a te piango e sorrido, sorrido e piango. E all’improvviso un lampo, l’immagine ferma della tua risata. Il suo suono lontano. Il ricordo che torna. Il tuo orologio che riparte perché in fondo, io lo so, non si è mai fermato davvero. Uno come te non l’avrebbe mai permesso.

Estate '6427-5-'85 (4)CIMG6550536240_10200545967884290_47621905_n

Cronache di #Believeland

13503043_10154341173318278_4972308532505794719_oLa bruttezza paga. Lo dimostrano gli eroi della palla a spicchi, i Cavalieri che la scorsa notte hanno finalmente raggiunto, dopo diversi tentativi, la principessa nascosta in cima alla torre, una torre chiamata Trionfo. Hanno vinto il loro primo titolo Nba. L’hanno conquistato con il lavoro sporco, con il lavoro lento (salvo i contropiedi, letali e iper-veloci), con le costruzioni non costruite, con gli isolamenti. E con gli eroismi. Con le prodezze di pochi, mentre i compagni rovistavano nel resto della metà campo agevolando la risalita dopo la caduta in un baratro apparentemente senza fondo.

Onore al carattere, onore alla dedizione, onore all’estremo coraggio di LeBron James e di quel Kyrie Irving che meriterebbe, anch’egli, pagine e pagine di cronache incensanti. Onore a questa squadra che con un gioco brutto ma produttivo ha raggiunto la cima scalando un pezzo alla volta il più insidioso degli Everest cestistici, tra contropiedi e palleggi prolungati, tra stoppate in cielo e tiri a cuore aperto. Una montagna così l’avevano sfidata in diversi, ma nessuno aveva mai rimontato una serie dall’1-3, tantomeno contro una squadra da record. Invece i Cavs ce l’hanno fatta. Contro i pronostici, contro i favoriti e contro la forza dei loro numeri, contro tutto e contro tutti. Contro la Storia per fare la Storia. Oggi, sulla cima più alta del basket americano (e mondiale, verrebbe da dire), ci sono i Cavalieri brutti ma tenaci. Quelli che le alture se le mangiano a piccoli morsi, metro dopo metro. Per poi arrivare alla vetta e lasciarsi andare al più liberatorio e torrenziale dei pianti.

Let’s go Cavs.

 

Caro Jovanotti

Lo ammetto: era da un po’ che non mi sentivo più in piena sintonia con le tue canzoni. Ti ho sempre continuato a seguire, sono venuto al bel concerto di Ancona dello scorso anno, ma era come se si fosse rotto il filo tra me e la tua musica. Magari non proprio rotto, ma un po’ sfilacciato sì. Non lo so perché, sono quelle cose che succedono a pelle. L’ultimo album mi è piaciuto, l’ho consumato come faccio ogni volta anche esce qualcosa di nuovo dalla tua mente vulcanica. L’ho apprezzato davvero, ma sai, l’empatia va oltre la razionalità, e anche oltre il semplice piacere. E’ qualcosa che avviene in modo naturale, che sorprende, e che è caratterizzato da una sana incontrollabilità.

Ieri, però, con altrettanta incontrollabile naturalezza, si è ricucito qualcosa. Vengo da un periodo di stress, soprattutto lavorativo. Partivo da una condizione mentale probabilmente inquinata da questo mio sovraccarico sinaptico. Io penso sempre tanto, io penso sempre troppo. Nonostante tutto qualcosa si è mosso. Ieri, dicevo, ho riascoltato Ora. L’album, intendo. E’ successo per caso. Stavo correndo e, deluso dall’ultimo lavoro di Elisa, ho fatto partire le tue canzoni dal lettore mp3. Sento che quei testi hanno riallacciato un po’ di cose, che si è in buona parte rinsaldato quel filo empatico tra me e la tua musica. Le cose che dici, le cose che canti, sono spesso l’espressione di una leggerezza consapevole e matura, di un realismo oltre le cose che non tutti vedono, ma che io condivido. Grazie per le parole e per luci colorate – colorate e vere – che getti sulla realtà.

lettera a jovanotti

 

Lo chiamavano Jeeg Robot

lo chiamavano jeeg robot.jpgTu vuò fa’ l’americano, ma lo vuò fa’ a Tor Bella Monaca, e allora è tutta un’altra storia. O forse no. Lo chiamavano Jeeg Robot riserva sorprese sul fronte della recitazione, grazie alle interpretazioni di un’amata fuori dai canoni (Alessia) e di un cattivo che non ha poi tanto da invidiare ai suoi omologhi d’oltreoceano (lo Zingaro). Tutto questo mentre, per la prima volta, arriva sul grande schermo un film di supereroi italiano, anche se camuffato da Gomorra. Per la prima volta, sì, perché quel che è venuto prima viene cancellato di colpo, vuoi per i meriti di Claudio Santamaria e compagni vuoi per i demeriti di certi predecessori. E ci arriva bene, in sala, con tutti i suoi pezzi a posto e messi in fila. Forse anche troppo in fila.

Gabriele Mainetti mette in scena il riscatto del supereroismo tricolore, dopo il fallimento pressoché totale de Il ragazzo invisibile, che di colore, invece, non ne aveva proprio. Lo fa smontando il classico blockbuster americano a base di latex, superpoteri e conflitti interiori su quale sia il proprio posto nel mondo, gli toglie il latex e butta il resto in pasto alla mala di periferia. Il risultato è una guerra tra cosche cruda e a volte perversa, in cui restano coinvolti un ragazzone disilluso (un erotomane trangugia-yogurt dalla fedina penale sporca, interpretato, appunto, da un cupo Santamaria) e una ragazza mentalmente provata e incastrata nel suo mondo sinaptico fatto di robot giapponesi e di mondi da salvare. Fino a che il mondo da salvare non diventa lei, in un gioco di ambizioni e di vendette che è sporco quanto un pulp movie, ma che segue in modo accademico le fasi narrative del genere a cui si ispira. Il supereroismo. Reso inedito dall’ambientazione e dal contesto sociale su cui si è deciso di puntare, ma che ripercorre fin troppo pedissequamente le tappe del classico eroe all’americana.

Si è osato tanto, è vero, catapultando un genere non “nostro” in un mondo che, nel bene o nel male, è nostro eccome. Lo si è fatto con successo, dando spazio a interpretazioni calzanti ed efficaci, a personaggi riusciti come quello di Alessia (interpretata da una validissima Ilenia Pastorelli, segno che il Grande Fratello continua a sfornare delle giovani promesse) e lo Zingaro (uno straordinario Luca Marinelli), sorprendendo per i pochi ma impeccabili effetti speciali, e deliziando lo spettatore con una scrittura che, nonostante un paio di sbavature, è piena di dettagli che danno spessore emotivo alla trama stessa. Che però, nonostante tutto, avrebbe potuto osare di più, in un film che ha comunque vinto a testa alta la sua “missione impossibile”: essere credibile importando un genere che molti credono impossibile da importare, e contribuendo a svecchiare un cinema – quello italiano – che sembra tremendamente e colpevolmente allergico al fantastico. Mainetti fa l’americano, e lo fa all’italiana, nel senso buono del termine, giocando sulla nostalgia dell’adolescenza e sugli eroi d’acciaio di un’altra epoca. Il manuale è stato rispettato alla perfezione. Ora è il tempo di scriverne un altro. Uno che sia soltanto nostro.

La gatta dei due anni

Le tue figlie parlano di te. Non parlano, perché non sono nate per farlo, eppure parlano di te. Stasera ho visto, guardato, osservato la piccola dalle zampe bianche, quella coi calzini, mentre leccava la testa alla sorella, lo stesso trattamento che di solito vede i due ruoli invertiti. Anche questo gesto parla di te. Le tue figlie parlano di te. Non parlano, perché non sono nate per farlo, eppure, sì, parlano di te. Parlano di te con le loro movenze, i loro colpi di lingua, i loro giochi circensi. Gli agguati. Dio, gli agguati. Quelli sì che li hanno imparati da te, le due sorelle e il fratello vagabondo, quello che ha preso la via della strada proprio come l’hai presa tu. Proprio come spero che l’abbia presa tu, che un po’ sulla strada lo sei sempre stata, ma che poi sei sempre tornata. Sempre. Mai una volta, mai, in cui non sei tornata. Ti sei presa tutte le tue libertà, ma poi, sì, sei sempre tornata.
Sempre.
Fino a tre settimane fa.

Per raccontarlo, e per raccontarmelo, ho bisogno dell’aiuto del solito Ludovico. Me lo dice piano, col suo piano, che è forse giunto il tempo della memoria. Di ricordare te, Silvestrina, la gatta dei due anni, arrivata la notte di Capodanno per poi sparire ventiquattro mesi dopo, alla vigilia di un nuovo giro di calendario. Non è il pianto della disperazione, non di quella più totale, perlomeno. E’ un saluto da lontano, in realtà quanto di più vicino si possa sognare. Ripenso a te, gatta dei due anni, ma per pensarti mi basta voltarmi. La figlia senza guanti ha preso esattamente il tuo posto, appollaiata nello stesso punto, tra i cuscini del mio letto oversize, mentre Ludovico mi suona in cuffia la sua serenata nostalgica.

Mi hai insegnato cosa sia la maternità, a me che madre non sarò mai. Ho visto la tua pancia crescere fuori misura, a te che eri ancora uno scricciolo, ma con in grembo ben cinque creature. Due non ce l’hanno fatta, le altre tre sono qui a ricordarmi chi sei. Non chi eri. Chi sei. Le altre tre, facciamo due, che il “bambolo” ha preferito il gelo dell’asfalto al calore delle coperte. E io sono qui, a cercare calore oltre il gelo della tua assenza reiterata, a spiegarmi il perché e il per come, a lottare coi fantasmi della ragionevolezza, ipotizzando scenari di una vita felina lontana da queste mura, da queste reti, da questi cancelli. Da queste mani. T’immagino nel mondo del chissàdove, certo che la tua sia stata una scelta consapevole. Libera, soprattutto. T’immagino così, ché tutte le altre alternative vanno ben oltre questa tremenda nostalgia, e sfociano nel mare agitato e paradossale della quiete eterna. E io non ce la faccio, non ce la faccio a immaginarti fredda come quell’asfalto. Fredda come questa tua assenza.

Sogno scenari ottimistici, pensandoti nelle mani di chissàchi. Ti penso già pronta per il sole che verrà, in un giardino lontano da questo quartiere, lo stesso quartiere che fino a venti giorni fa era anche un po’ il tuo. Tu che sei venuta da chissàdove, e che ti sei lasciata “salvare” da me dalle grinfie di un gatto che – tu guarda la sorte – se n’è andato praticamente un mese esatto prima di te. Lui per sempre, davvero. Non ci credo tu abbia già raggiunto il tuo nemico di sempre. Tu sei lì, pronta per il sole che verrà. In fondo, lo stesso sole che proverà a sciogliere questo gelo. Quello che mi riscalderà il cuore, che metterà fine al freddo che hai lasciato.

Quella notte eri sotto la macchina del vicino, l’alzatore seriale di tergicristalli. Eri lì che miagolavi. Eri lì, tu e il tuo lamento strano, piccolo e strano. Piccolo come te, che eri ancora lontana dal compiere un anno. Eri lì, mentre io ero appena tornato da un finto bagordo di fine anno. Sei e trenta del mattino. Io, te e il Signor Simpson in tutta la sua arroganza. E pensa un po’, mi manca pure quella, pure quell’arroganza che ho visto diventare dura come il marmo, e fredda come il freddo asfalto su cui l’ho trovata. Un giorno dovrò curarla davvero, dovrò prenderla davvero sul serio questa mia innata propensione alla nostalgia. E’ l’effetto dell’affetto, lo stesso che mi lega a questa poltrona e a questa tastiera, a Ludovico e alle sue serenate che sbrigliano le parole. Lo stesso che mi fa stare qui, a ricordarti, e a dedicarti queste due righe diventate venti, diventate duecento.

I numeri non contano. Eppure certe coincidenze sono assurde e allucinanti. Arrivata a Capodanno, ci hai dato il tuo arrivederci praticamente due anni esatti dopo. Il giorno, poi, parla da sé. Era il 30 dicembre, quando mia nonna ha compiuto gli anni, proprio lei che di recente se n’era uscita dicendo di avere un secondo nome, e non un nome a caso: Silvestrina. Il tuo nome. Non siamo proprio sicuri di poterle credere. Rivelare di avere un secondo nome alla veneranda età di novantun’anni… Ma la coincidenza non è tale, anche perché io, alle coincidenze non ho mai creduto. Non hai scelto un giorno a caso per il tuo arrivederci, costringendomi qui, ora, a ricordare e a ricordarti, e a fare i conti con la razionalità di un arrivederci che puzza un po’ troppo di definitivo.

La mattina del Capodanno di due anni fa ti ho fatto mangiare. “Non entrare però, eh”, e tu mi guardavi con quegli occhi che…

IMG_5741
Con quegli occhi che…

1615015_276542179165919_1515216976_n

Che.
Punto.

1598405_276542575832546_809747915_n

Stavi tra il cancello e il portone. Non ti ho permesso di venire oltre, non volevo essere linciato dai miei per aver portato un gatto in casa. Ti ho chiamata sul retro, e ti ho fatto mangiare qualcosa. Da lì il sodalizio biennale. Per un po’ di tempo non te ne sei più andata. Non ti facevamo entrare per via di un malsano pudore, per non abituarti ad agi da cui, poi, avremmo fatto fatica ad allontanarti. Ti accucciavi sotto il telo verde che copriva i divanetti del giardino. Bastava chiamarti, e tu uscivi per i tuoi balletti rasoterra, gli stessi che ora fanno i tuoi figli, gli stessi che hai sempre continuato a fare anche quando ci venivi incontro nella via qui a fianco. Lì dove ora ti cerco, ma senza risultati. Eri sempre lì, tu, sotto quel telo verde. E, di conseguenza, erano sempre lì anche i nostri sorrisi.

IMG_5669

Col tempo sei entrata. In pochissimo tempo sei entrata. Ti sei impossessata di sedie, divani, gambe, tavolini. Vedevo i progressi del tuo dominio dalle foto di mia madre, mentre me ne stavo a Milano a portare avanti un lavoro che poi ha deciso di portarsi avanti anche senza di me. Tornavo ogni tanto, ma tu oramai ti eri legata a mia madre. A mia madre e alle sue crocchette. Ma ero felice per te. Ero felice per noi. Ero felice per questa casa, che aspettava da tempo un animale che la ravvivasse, ma il pudore di cui sopra aveva sempre bloccato chi qui dentro comanda davvero. Questa, però, è un’altra storia. Ora m’interessa soltanto la storia di Silvestrina, la gatta dei due anni, che bruciando le tappe ha preso possesso della casa e attirato gatti grossi il doppio di lei nel nostro giardino, pronti a fare chissà quale gang bang felina. Il risultato è stata quella pancia spropositata. Il risultato è stato il parto dell’8 aprile del 2014. Il risultato, al netto dei due che non ce l’hanno fatta, è stato questo qui:

IMG_7480

Mi hai insegnato la maternità, dicevo, a me che madre non sarò mai. La mattina del parto ho rimandato la partenza per Milano. Non lavoravo già più, e ad ogni modo tu e i tuoi cuccioli avete sempre avuto più importanza di qualunque cazzo di contratto. Il contratto con la vita non è eguali. Ho voluto assistere al parto, ed ero così ansioso che mi è venuto il dubbio inconscio di essere io, forse, il padre dei pargoli pelosi. Ma le gang bang feline non fanno per me. Gli animali, invece, gli animali li ho sempre avuti dentro, nel DNA. Avete sempre fatto parte di me. Sarà per questo che questa tua assenza sa di sorella scomparsa, di un’amica che è venuta a trovarmi in camera – chissà – per un’ultima volta, per poi scendere le scale in attesa di cibo e andarsene senza più la voglia di fare ritorno. Senza nemmeno mangiare. due soffiate ai tuoi figli, compreso il maschio incrociato nel solito stanzino. E poi ciao. Arrivederci. Chissà.

Potrei raccontare e raccontarti per ore, ma in fondo sarebbe soltanto un raccontarmela. Sono qui per sublimare il peso insopportabile di un’assenza. Sono qui per sfidare la fottuta ragionevolezza della ragione, per sperare ancora in bene, per credere che un giorno ti affaccerai di nuovo sulla porta-finestra del giardino, la stessa da cui hai avuto da me le prime crocchette. Torna, e trasforma questo fiume di parole in un ridicolo gioco, in una prova di stile dettata dalla necessità di un’iniezione di fiducia.

E’ stata dura metterti il pannolone dopo la sterilizzazione. Ricordo ancora i nervi esplosi di mia madre, l’impotenza di mio padre, il mio stesso impaccio. E’ stato ancora più duro scegliere di sterilizzarti. L’ho sempre trovata una violazione della tua dignità, e ora quasi me ne pento. Potresti essere altrove, a figliare ancora, inseguendo la natura come tu sai fare. Tu che mi hai insegnato cosa sia la maternità, a me che madre non sarò mai. Hai leccato via la placenta come se l’avessi sempre fatto. Hai allattato con regolarità anche senza saper leggere l’orologio. Hai scaldato col pelo i tuoi pargoli, gli stessi che, una volta fuori, hai fatto giocare. Tu, ragaTTa madre che mentre educavi al diletto e alla caccia, in fondo, credo ti volessi anche un po’ divertire. Ricordo gli agguati e le corse a quattro nel vialetto del giardino, tra steli d’erba un po’ più alti che facevano da trincea invisibile. Avete inventato giochi e movenze che rasentano l’arte, e io ho perso ore ed ore ad ammirarvi tra la primavera e l’estate, in fondo senza perderle davvero. Guardandoti educare, mi sono un po’ educato alla vita. Alla spontaneità delle cose. Ai meccanismi non meccanici di cui voi animali siete splendidi portavoce.

Mi hai insegnato cosa sia la maternità, eppure non ho mai condiviso la tua aggressività post-svezzamento. Ti abbiamo anche sgridato, ma ogni urlo, ora, appare soltanto come il più inutile degli echi. Molto prima di quei goffi rimproveri viziati dalla morale c’è stato il tempo delle gite in famiglia, tue e dei tuoi figli, nella via dopo l’angolo, e i recuperi disperati al tramonto tra le case degli altri, prendendovi in braccio oppure per la gola con la scusa della pappa. Ti chiedevamo rabbiosamente di non portarli di là, ma col senno di poi ho imparato che senza il tuo prezioso lavoro ora non avrei qui con me tre gatti educati alla casa quanto alla strada. Ti ho sempre ammirato, e non lo dico per un effetto collaterale della nostalgia. Sei stata perfetta da subito, dopo la gravidanza, da lacrime agli occhi, quelle che in effetti mi hai fatto venire più volte. Occhi umidi, a guardarti curare i tuoi figli a suon di lingua e di morsi prolungati, che li hanno educati all’affetto e all’aggressività, al gioco e alla caccia, alla vita e a tutto ciò che la riguarda.

I tuoi figli sono un prolungamento di te, anche se a un certo punto li hai ripudiati seguendo attentamente il libretto d’istruzioni di madre natura. Non tolleravi più la loro presenza dentro le tue stesse mura, per questo da un circa un anno e mezzo alternavi la strada alla casa. Ed è questa tua abitudine a farmi ancora sperare in un tuo ritorno. Perché so che potresti anche aver deciso di fare una gita più lunga del solito. Perché negli ultimi tempi eri stata tantissimo a casa, a mangiare, dormire e a prender coccole, e mi auguro che tu ne voglia ancora. E ancora. E ancora. Ti aspetto, gatta dei due anni. Spegni queste parole sofferte e riaccendimi il sorriso. Sbuca sotto la macchina dell’alza-tergicristalli seriale. Spunta dalla porta-finestra del giardino. Sfoggia i tuoi occhi grandi e puntali di nuovo contro i miei. Insegnami ancora qualcosa della vita, tra una crocchetta e una trasferta, tra un gioco troppo aggressivo e la tua dolcezza nascosta sotto la scorza della belva selvatica. Torna, gatta dei due anni. Il terzo è ancora tutto da vivere.

10857116_10205196677589126_7467694219378074445_o

La risposta a tutto

Il silenzio della notte. La nebbia lì di fuori sembra suggerire una cosa, e una soltanto. Sembra voler dire che la quiete sia la risposta. La risposta a tutto. I gatti si danno il cambio tra le finte ronde nel giardino. Si alternano come il giorno e la notte. Loro non hanno quiete, non in senso stretto. Il loro è equilibrio, equilibrio puro. Equilibrio e basta. Camminano sul filo della vita senza guardare di sotto. Non è spavalderia, né mancanza di paura. I gatti sanno che guardare giù non serve a niente. Se non a smarrire la strada. Se non a perdere se stessi, il punto di vista delle cose, e allora, semplicemente, non ci guardano. Intanto l’acqua comincia a bollire. Perché io, stasera, ho bisogno di bere.

L’acqua bolle. La tazza è pronta. La bustina è già distesa sul quarzo che dà alla mia cucina una parvenza di lusso. Passa un attimo, e quella stessa bustina sta già facendo snorkeling nell’acqua bollente. C’ero quasi. C’ero quasi, cazzo, per una volta. Per una volta ero quasi riuscito a non far uscire l’acqua dal pentolino, ma ho il vizio di riempirlo quasi fino all’orlo, che poi al resto ci pensa l’ebollizione. C’ero quasi. C’ero quasi, stavolta. Ma l’ultima goccia mi ha tradito. L’ultima goccia, prima che io spegnessi il gas, si è precipitata giù dal pentolino ed è caduta sulla fiamma. Ma non importa. Non importa, perché io stasera ho bisogno di bere.

I miei personaggi hanno sempre bisogno di bere qualcosa. Chi caffè annacquati, chi camomille dagli effetti eccitanti, chi chissà cos’altro. I miei personaggi hanno sempre bisogno di bere qualcosa, o di mangiare qualcosa. Chi delle uova ridondanti, chi delle coppe piene di fragole con la panna. I miei personaggi sorseggiano, ingurgitano, fagocitano. I miei personaggi prendono vita, e prendono vita anche per questo. Perché sorseggiano, ingurgitano, fagocitano. Bevono e mangiano, mangiano e bevono. E io, stasera, proprio come loro ho bisogno di bere. Il mio infuso si sta raffreddando, quel tanto che basta per poter essere bevuto. Ora prendo il miele e ci addolcisco quell’intruglio di zenzero e limone. E me lo bevo, come fossi uno dei miei personaggi. Io che scrivo storie di altri, e che facendolo, forse, scrivo un po’ anche la mia. Ci rifletto su, nel silenzio della notte, mentre la nebbia lì di fuori sembra suggerire una cosa, e una soltanto. Sembra voler dire che la quiete sia la risposta. La risposta a tutto. Ma ora respiro e penso sotto la luce al neon della mia cucina. L’unica nebbia che vedo è quella provocata dall’infuso che mi sta ancora aspettando. Bevo, e mi sento come uno dei miei personaggi, perso in un flusso surreale senza capire il senso della corsa di questo immenso tram.

23devastato_tom-porta-nube-purpurea-tram