Sex Criminals 1

C’era una volta Simone Celli, quello che scriveva sempre di fumetti. Simone Celli c’è ancora, ma di fumetti, oramai, scrive davvero molto poco. Troppo poco. Ogni tanto ci mette una pezza. Ogni tanto tipo qualche giorno fa, quando ha rinfrescato la sua ormai pluriennale collaborazione con Comicus.it con la recensione di Sex Criminals 1. Qui tutte le altre cose da lui scritte per il suddetto sito. Lui, Simone Celli. Che poi sarei io, e che farei meglio a scrivere più spesso di fumetti. Così non avrei più il tempo di scrivere di me in terza persona.

sex criminals 1– CLICCA QUI PER LEGGERE LA RECENSIONE –

Annunci

Una mancanza di troppo

Suoni difformi, non conformi alla forma che ho. Parole al vento, che le porta via, dove soltanto Dio lo sa. Non qua. Non qua. Qua è soltanto un tripudio di cerume, e delle solite ingrate sinapsi. Qua è un trionfo di suoni difformi, non confomi alla forma che ho. Quella di un uomo con le mani al vento, affannate a cercare pace oltre la guerra della mente. Quella di un uomo con un cuore che batte, sempre un po’ puttana ma che continua a farlo gratis.

Mi manca quell’assenza di mancanza, quel senso di pieno che ora è superato dal vuoto. I chilometri non mordono: la distanza è un problema dell’anima. E oggi mi sento così, ridimensionato da fatti drogati dalle parole al vento. Volate chissà dove, soltanto Dio lo sa. Non qua. Non qua. Qua c’è soltanto la mancanza dell’assenza di una mancanza ritrovata, prepotente, incalzante. Una mancanza di troppo, che lascia praterie da riempire a un vuoto che è fin troppo presente.

Una mancanza di troppo

Per dono (ma anche no)

Se fossi una bilancia starei più in equilibrio. Ma sono un sagittario, e qui son cazzi. Trasudo orgoglio e libertà, che detta così sembra il nome di un partito di estrema destra. Invece son qua, a incassare destri che sono in realtà dei colpi sinistri. E io che sarei per la par condicio, io che bilancia non sono, mi sbilancio e perdo l’equilibrio. Resto pur sempre un sagittario. Trasudo orgoglio e libertà, e facendo leva su questo mi rialzo, forte anche del mio terzo pilastro da arciere col culo da cavallo. Il senso di giustizia. Per questo peso e ripeso i destri sinistri che ricevo. Li peso e li ripeso come fossi una bilancia, io che invece son sagittario, e che son condannato a esserlo a vita. Così sono costretto a farlo, a mettere quei colpi su una bilancia che non ho e che, soprattutto, non sono. In base al peso, ai colpi presi attribuisco un prezzo. Poi li espongo sui miei scaffali più sporchi, nel grande negozio della vita. Qualcuno dovrà pur passare di qua. Qualcuno dovrà pur pagare per loro. Ché nel perdòno per dono tutti quanti pèrdono, uscendo dal negozio della vita senza un po’ di saggezza in più.

Per dono

Un po’ più eroi

Schermi piatti per scenari profondi. Profondi e violenti. Sulla scena sciami di umani disumani, signori della morte che causano morte in nome del loro signore. Costringendo quello stesso signore, dotato di esse maiuscola, a correre all’anagrafe. A cambiare nome per la vergogna. Pino. Da oggi chiamatelo così.

Schermi piatti per vite profonde. I progetti si susseguono come go kart impazziti sulla pista del tempo. Io sono un pilota distratto. Al di là della montagnola c’è un mare stupendo, burrascoso e stupendo. E io non posso fare a meno di guardarlo. Non posso fare a meno di sbandare guardandolo. Non posso fare a meno di distrarmi, mentre il mio go kart va, impazzito, sulla pista di un tempo che non ammette tempo. E’ che io mi sento figlio di quello stesso mare, della sua spuma profonda e violenta. Burrascosa e stupenda. Lui. Mare d’inferno in un inverno ancora in cerca di assestamento, tra scosse e controscosse, percosse e riscosse, discussioni e riscossioni. Tra gli sciami di umani disumani. E tra progetti che si susseguono come go kart impazziti sulla pista del tempo, come ripetizioni imbizzarrite di un testo che ha bisogno di ripetersi perché gli preme farsi capire.

Sono qui per tatuare tra i bit i pensieri sull’anno che è andato e su quello che verrà. Sono qui perché ancora una volta i contabili celesti ci si son messi d’impegno. Il dare e l’avere hanno fatto il loro gioco, in questo gioco in cui non c’è mai spazio e non c’è mai tempo – un tempo che non ammette tempo – per i bilanci definitivi. Ma un uomo lo sa. Un uomo che non sia ancora disumano lo sa cos’ha avuto e cos’ha dato. Cos’ha preso e cos’ha perso. Sa di quel suo amore andato, ad esempio, e di quel nuovo fuoco che era già lì, pronto ad accendersi. Se ne stava fermo, fermo e fremente, ad aspettare me e la mia diavolina. E diavolo se se ne stava lì. Lì ad aspettarmi. Come se non ci fosse altro fuoco all’infuori di me. Come se non avesse altro Pino al di fuori di me. Che poi io mi chiamo Simone, e detta così pare che i conti non tornino. Maledetti contabili celesti.

Un amore andato – e andato malamente – anche se un nuovo fuoco era già lì. La colonna contabile delle delusioni, poi, ha avuto il suo seguito. E’ strano – è strano e fa male – pensare di aver perso un fratello senza averlo perso davvero. E’ strano – è buffo e un po’ strano – pensare che lui pensi di aver perso me, senza accorgersi di essere lui ad aver perso se stesso. E io, vecchio amico con un paraocchi che non invecchiava mai, ero affezionato al vecchio amico che lui sapeva essere. Lui era quello che si palesava come in preda a chissà quale magia, quello del vengolìsenzapreavviso, e sempre nel momento del bisogno. Di un bisogno silente e possente. Lui era quello che c’era, mentre oggi è quello che non c’è. Lui, lui e me, protagonisti non scritturati di una commedia amara che, io lo so, non è ancora finita. No, non lo è.

A finire davvero, piuttosto, è stato l’impegno sotto contratto. E’ stato proprio quel contratto che, finendo, ha fatto finire l’impegno, forzato dagli eventi e dai giochi di potere di potenti impotenti. Il lavoro è stato strozzato da scelte discutibili di cui non ho più la forza di discutere. Né la voglia né il tempo, perché il tempo non ammette tempo. Oggi la mia corsa prosegue in altri modi e in altre vesti, a bordo di go kart impazziti. Progetti su cui rifletto, e che mi riflettono davvero. Ora il mio impegno non ha contratti. L’unico accordo, io, l’ho firmato con me stesso. Pino ha fatto da notaio. Pino è sempre qui, a ricordarmi del mio patto con me stesso. Pino, mentre l’altro Pino, quello col cognome che sembra un nome, se n’è andato col suo doppio funerale, raccontato da schermi piatti per scenari profondi. Profondi e anche violenti. Sulla scena sciami di umani disumani, signori della morte che causano morte in nome del loro signore. Il signor Pino piange ancora per loro, mentre due merli, dal tetto dei vicini, mi hanno appena ricordato che Pino, il Pino divino, forse è come la neve. Pino, in fondo, un po’ se ne frega di tutto il nostro vociare.

L’anno che è andato mi ha anche regalato tanto. Un nuovo fuoco subito pronto ad accendersi, sì, che ha dovuto patire le pene della mia diavolina tardiva. Poi un blocco di cellulosa rilegata, riprodotta in serie e contenente le mie parole più studiate di sempre, e che spero nessun fuoco brucerà mai. Infine – ma in realtà all’inizio – quattro meravigliose palle di pelo, sempre tra le palle anche se le mie sono soltanto due. L’anno che è andato mi ha tolto cose importanti, ma mi ha anche regalato tanto. Davvero. Il nuovo, invece, è appena iniziato, eppure la posta è già sul piatto. Dovremo essere un po’ più noi e un po’ più eroi, o il 2015 non ci lascerà in pace. Un po’ più noi e un po’ più eroi, con il mantello invisibile e lo stemma di chi siamo stampato bene sul petto. Un po’ più noi e un po’ più eroi. Che poi è spesso la stessa cosa.

Un po' più eroi

C’ho visto anche il mare

Che oltre questi binari, io, c’ho visto anche il mare. E c’è voluto un bello sforzo, a immaginarmi le onde oltre tutto questo sferragliare. Lo stesso sferragliare che le prime notti, no, non mi ha fatto dormire. Ce ne sono volute un paio per abituarmi a tutto questo incrociarsi di treni, in arrivo o in partenza da Lambrate come se questo quartiere, così grigio ma anche così vivo, fosse il centro del mondo. Ma no. Lambrate non è che un porto di mare in cui si viene per studio o per lavoro. Sarà per questo che io c’ho visto anche i pesci e la spuma della salsedine. Io, per interposto personaggio. Io che c’ho ambientato un romanzo, in questo circondario che ora sto per lasciare. E ci lascio ricordi indelebili. Di bottiglie di plastica conservate per colpa di un vuoto che non potevo conoscere. Di scatole di un cioccolato speciale che non getterò mai. Di una rosa rimasta per mesi a morirmi addosso, ma da cui sto per separarmi soltanto adesso. Io non ce la faccio ad abbandonare le cose senza lasciarci sopra un pezzo di cuore.

c'ho visto anche il mare

Anche adesso lo sento gridare, col suo lamento antico ma che sa comunque di futuro. Il 23 è un tram dall’animo vecchio, ma fa gli stessi versi di un animale ancora ruggente. E anche adesso lo sento gridare, anche adesso lo sento ruggire, mentre torna alla sua tana per l’ultima volta prima di una nuova notte. Io lo sento, il 23, ed è da un po’ che lo sento. Così come sento i suoi passeggeri, portatori sani di storie che ho provato a derubare in silenzio. Ho provato a entrare dentro di loro. Sono il ginecologo delle loro anime.

c'ho visto anche il mare2

Questo mi ha dato Lambrate, questo mi porterò dietro. Le casse d’acqua portate a casa col carrello della Lidl. Le corsette a guardar più culi che asfalto. E i cani, quanti cani in questo quartiere di bipedi sempre così di fretta. Questo mi ha dato Lambrate, questo mi porterò dietro. Di Milano nemmeno parlo. Io e lei abbiamo ancora due o tre conti da saldare. E potrebbero volerci mesi, anni, forse una vita. Intanto mi prendo una pausa. Intanto porto i saluti dei culi, dell’asfalto e dei cani all’altra mia città. Quella da cui provengo. Che oltre i suoi binari, io, c’ho visto anche il mare. Perché lì il mare c’è davvero. E mi sta aspettando a onde aperte.

Zeus mi ha leccato la mano

Caro LetaMario,
il mattino ha il marrone in bocca. Qualcosa dello stesso colore del letame, che mi fertilizza il terreno appena esco di casa. Ho visto il grigio e il suo tumulto silenzioso, il suo lieve tentativo di assopirmi in questo rigurgito d’estate dal finale meno aperto del solito. Vivo la mia nuova vita, e mi va bene così. Quel che faccio mi piace, ma il grigio è pur sempre grigio. E il suo tumulto è silenzioso ma non per questo assente.
Il mattino ha il marrone in bocca, sì. Uscendo dal portone del mio palazzo pensavo a me in chissà quale altro posto. Io che mi alzo e mi ritrovo ad accudire cani. Non so ancora se sia questo il mio sogno proibito. D’altronde macino parole, le coltivo e le raccolgo da bravo contadino verbale. Resto qua, mentre le mente vive sempre sulla scia del mio fantasticare.
Il mattino ha il marrone in bocca, me l’ha detto Zeus. No, non sono uno di quei devoti all’esotico, fedeli pagani o nostalgici del divino che fu, quelli che insomma cercano qualcosa in cui credere pescando a casaccio in qualche pantheon di seconda mano. Stamattina ho fatto un tratto di strada con lui, con Zeus. Dall’alto dei suoi due mesi, zampettava sul marciapiede grigio con le sue zampe un po’ oversize. Piedi di cucciolo. Marroni come tutto il resto. Ogni tanto si fermava e si sedeva. Non era stanco. Era come se contemplasse la strada, il da farsi. In preda a una fretta che la stava già rendendo indisponente, la bionda tascabile che se lo portava a spasso lo chiamava a sé continuamente, e con una punta di veleno urbano. Lui fedele la seguiva, io incantato lo guardavo. Quando ci siamo trovati sulla stessa linea di passeggio, fianco a fianco, mi sono accovacciato. Gli ho sorriso. Ho allungato la mia mano verso di lui. L’ha annusata per mezzo secondo, poi me l’ha leccata. E’ bellissimo, ho detto. Lei mi ha ringraziato come se stessi parlando del suo culo. E a me quel sorriso non è più passato. Almeno fino al grigio dell’incrocio successivo.

Firmato,
uno che sui colori c’aveva visto giusto da un po’

METROPOLìTI – Coi piedi all’insù

Il giorno da sera, la sera da giorno. I piedi si sollevano secondo strani fuso orari. Non hanno piante. Sono piante. Quando c’è il sole provano a raggiungerlo. Si sospingono su, fino a che non arriva la luna. L’alba è l’alba dei tacchi. Giovani donne cominciano la loro giornata sollevandosi da terra. La chiuderanno indossando comode scarpe da ginnastica. Il jogging urbano prende vita al tramonto. Gli abiti si allungano e si allargano per accogliere le tenebre. E’ un rito al contrario che segna la metropoli, con passi frettolosi che ticchettano sui marciapiedi mentre si dirigono verso uffici pieni di vestiti buoni. Il lavoro ti vuole bella.